EURODEPUTATO
25 MAGGIO ELEZIONI EUROPEE 2014
CIRCOSCRIZIONE ISOLE

Sharing economy in Europa

di Renato Soru Team | 25 maggio 2017

L’economia collaborativa, sharing economy o gig economy è un settore difficile da definire. Ad oggi comprende parte di servizi di ristorazione, di trasporto pubblico, di ricezione e vari altri. In generale si potrebbe chiamare tale tutto ciò che sfrutti risorse sotto-utilizzate in modo più efficiente, remunerando chi le mette in comune. Si sta parlando di un settore che, pur esistendo in varie forme nei decenni passati, ha assunto una dimensione consistente solo negli ultimi dieci anni, avanzando in maniera esponenziale con la diffusione capillare degli smartphone e della connettività. Compagnie come Uber e Airbnb detengono ormai il record storico di velocità di crescita, nessuna azienda prima di loro ha mai raggiunto capitalizzazioni così alte in così poco tempo, neanche colossi…

AP-UpM: una tabella di marcia per la crescita inclusiva del bacino del Mediterraneo

di Renato Soru | 22 maggio 2017

Il 12 e 13 maggio ho partecipato alla tredicesima Assemblea Parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo, presieduta dall’Italia. Ho avuto l’onore di presiedere i lavori della Commissione Politica, Sicurezza e Diritti Umani, che sono stati caratterizzati da un ricco dibattito e si sono conclusi con l’approvazione di una raccomandazione finale. Pur nelle diversità delle posizioni e nonostante le distanze geografiche e culturali dei vari membri, abbiamo discusso in modo franco di come immaginare insieme un futuro di pace e prosperità per il bacino del Mediterraneo. Abbiamo approvato una raccomandazione finale che impegna i Parlamenti dei diversi Paesi ad una azione comune per gli obiettivi indicati. Nell’approvazione della raccomandazione ci siamo anzitutto interrogati sul ruolo e sulla missione dell’Unione per il Mediterraneo…

L’Europa per l’Italia, l’Italia per l’Europa. Soru al seminario sulla comunicazione organizzato dal PE in Italia

di Redazione | 15 ottobre 2016

Cagliari, 14 ottobre 2016- Renato Soru ha partecipato, nella sua qualità di europarlamentare eletto nella circoscrizione insulare, al seminario “L’Italia per l’Europa, l’Europa per l’italia” organizzato dall’ Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo in Italia nell’intento di avvicinare le tematiche europee ai professionisti della comunicazione e diffondrere una migliore consapevolezza del funzionamento delle istituzioni europee presso i media italiani. Insieme a Soru erano presenti all’incontro l’eurodeputata siciliana Michela Giuffrida e l’eurodeputato Salvatore Cicu. “L’Europa è l’orizzonte dentro cui calare le nostre aspettative di vita in pace e dignitose”, ha detto Soru nel suo intervento davanti ad una platea di giornalisti ed esperti di comunicazione appartenenti alla realtà isolana. L’unica prospettiva possibile, contro la paura, il disorientamento , la tentazione dell’isolamento…

La sfida europea dell’agricoltura- Incontro con Paolo De Castro

di Redazione | 15 aprile 2016

La sfida europea dell’agricoltura Lo sviluppo rurale e la competizione della PAC oltre Europa Martedì 19 aprile 2016-Giornata di incontro e di approfondimento con Paolo De Castro Gruppo S&D -Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo- Eurodeputati PD L’eurodeputato Paolo De Castro sarà martedì 19 aprile in Sardegna per incontrare gli operatori del settore agroalimentare e per discutere di politica agricola comunitaria. De Castro, già presidente della commissione agricoltura e sviluppo rurale del parlamento europeo, due volte ministro delle politiche agricole del governo italiano, professore ordinario di economia e politica agraria all’Università di Bologna, è stato relatore di Expò 2015 della commissione agricoltura del Parlamento Europeo. Attualmente è parlamentare europeo e capogruppo dei Socialisti e Democratici nella Commissione…

Alcoa, la superinterrompibilità non ostacola la concorrenza europea e va prorogata

di Renato Soru | 17 dicembre 2015

La sicurezza dell’approvvigionamento energetico è vitale per l’Europa: a dirlo ora è anche la Corte dei Conti europea in una relazione che indica come obbiettivo strategico il completamento del mercato interno dell’energia e la condivisione delle risorse esistenti. Queste indicazioni sono in gran parte coincidenti con quelle recentemente pubblicate dal Parlamento Europeo nel Competition Report 2015: il Parlamento sottolinea l’importanza dell’economicità, della sostenibilità e della sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Inoltre ritiene che la politica di concorrenza debba  contribuire a un approvvigionamento energetico a prezzi accessibili per i consumatori e le imprese. Appare pienamente evidente in base a questi orientamenti l’ammissibilità del regime di superinterrompibilità applicato alle grandi aziende energivore delle due isole maggiori, proprio perché funzionale a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento…

Mattarella a Strasburgo: “Progettare il futuro per governare bene il presente”-Video

di Redazione | 25 novembre 2015

Il discorso del capo dello Stato al Parlamento europeo in sessione plenaria a Strasburgo, il 25 novembre 2015: “Se il mondo si rivolge all’esempio offerto dall’Ue , il cantiere europeo non può rimanere a metà strada. Progettare il futuro, a partire dalle sfide e dalle difficoltà che stiamo vivendo, è la strada per governare bene il presente” Dal presidente Mattarella è arrivato un appello all’unità in un’Europa ferita dal terrore. “Prendo la parola – ha detto –  in un momento particolarmente drammatico per tutti noi. L’Europa è ferita: Bruxelles, Copenaghen, Londra, Madrid, Parigi, sono altrettante lacerazioni, dolorose e incancellabili, sul corpo della nostra Unione”. Solo con più unità tra Stati – ha detto – riusciremo a sconfiggere il terrorismo. Nessun Paese è in grado…

GRECIA, LA VERA SFIDA DOPO IL REFERENDUM: RILANCIARE IL PERCORSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA

di Renato Soru | 8 luglio 2015

Il 5 luglio ad Atene ha vinto la linea di Tsipras, il no contro l’austerity e contro i creditori. Ma chi si è aggiudicato veramente in questa partita? In realtà rischia di non vincere nessuno: non la Grecia, costretta a tornare al tavolo del negoziato per evitare l’uscita dall’euro ed il ritorno ad una valuta nazionale deprezzata e incapace di sostenere il sistema economico ellenico. Non l’Europa, che col  Grexit ha poco da guadagnare e molto da perdere, a partire dalla cambiale da 300 miliardi di euro elargita con una buona dose di cinismo speculativo alle banche greche a rischio insolvenza. In gioco però non ci sono solo gli interessi dei creditori, ma una posta ben più consistente: l’idea stessa…

Dalle elezioni greche un segnale per l’Europa: il tempo del rigore è finito.

di Renato Soru | 26 gennaio 2015

Il risultato della tornata elettorale di domenica in Grecia, come evidenziato da diversi osservatori, ha una portata che va ben oltre i confini nazionali. Con la netta vittoria di Syriza, da Atene arriva un chiaro messaggio di rifiuto delle politiche economiche imposte da Commissione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale, politiche che hanno portato ad un netto peggioramento delle condizioni di gran parte della popolazione greca, come dimostrano i dati su disoccupazione, esclusione sociale, povertà ed il terribile aumento del tasso di mortalità infantile registrato negli ultimi anni. L’affermazione di Syriza, peraltro annunciata, ha provocato allarmismi in diversi schieramenti politici del continente, che hanno manifestato una forte contrarietà ad ogni ipotesi di ristrutturazione del debito Greco e sono…

Schengen e la sfida della sicurezza, l’Europa unita non arretri sulle sue conquiste.

di Renato Soru | 12 gennaio 2015

Ieri a Parigi l’Europa politica si è ritrovata per la prima volta al fianco dell’Europa dei popoli per dire no all’odio e per difendere l’idea di libertà e di democrazia che è alla base del progetto europeo. Nello straordinario abbraccio fra i capi di stato e di governo si è vista l’Europa possibile, consapevole del suo ruolo e delle sue responsabilità, orgogliosa dei suoi valori, unita come non la si vedeva da tempo. C’è chi ha parlato di una “svolta”, capace di accelerare il processo di coesione e di affermare finalmente il protagonismo del vecchio continente  nello scenario internazionale.Questo auspicabile esito non si realizzerà però che ad una condizione, cioè che lo spirito di unità non sia un soffio effimero ma che…

Ricerca, popoli mediterranei più vicini. Soru: “Ma occorre eliminare le diffidenze”

di Redazione | 23 dicembre 2014

I cittadini europei e quelli dei Paesi della sponda meridionale e orientale del Mediterraneo sentono l’esigenza di approfondire  la conoscenza reciproca, ma la diversità crea ancora diffidenza e timore. E’ quanto emerge dal rapporto “Tendenze interculturali e scambi sociali”, recentemente pubblicato dalla Fondazione euro-mediterranea Anna Lindh per il dialogo tra le culture. Il rapporto è stato presentato a Strasburgo il 17 dicembre durante la seconda riunione della Delegazione all’Assemblea Parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo, di cui Renato Soru è componente e all’interno della quale presiede la commissione Politica, Sicurezza e Diritti Umani. A illustrare i dati del rapporto, realizzato nel 2012 sulla base di un sondaggio comparativo condotto da Gallup Europe su un campione di 13.000 persone provenienti da 13…

G+