Caso Ryanair, il Parlamento Europeo chiede maggior flessibilità su aiuti di stato

“La Commissione Europea dovrebbe  accogliere i suggerimenti del Parlamento di Bruxelles e concedere più flessibilità nell’applicazione delle regole sugli aiuti di stato per quanto riguarda i trasporti da nelle regioni insulari”. E’ quanto chiede l’europarlamentare PD Renato Soru, dopo l’approvazione il 7 dicembre presso la Commissione per gli Affari economici e Monetari del Parlamento Europeo del Documento di valutazione sulla politica di concorrenza della Commissione Europea (Competition Report).

“Le raccomandazioni del Parlamento riguardano da vicino la Sardegna, dove solo poche settimane fa Ryan Air ha annunciato la cancellazione di 22 destinazioni ed il licenziamento di una ventina di dipendenti . Una decisione, quella del vettore low cost, arrivata dopo che la DG Competition presso la Commissione Europea aveva giudicato incompatibile la vendita di spazi pubblicitari alla Regione da parte di Ryan Air secondo le attuali regole sulla concorrenza ”.

Durante la discussione del Competition Report Soru si era fatto promotore di uno specifico emendamento sul tema degli aiuti di Stato,  poi tradotto nel testo finale in una serie di indicazioni che toccano il nodo dei collegamenti e della continuità territoriale: “Da tempo affermiamo che il diritto alla mobilità dei sardi va garantita a prezzi ragionevoli e in ogni stagione dell’anno, perché rappresenta un’estensione del diritto di cittadinanza. Questo principio-prosegue Soru- viene ora formalmente riconosciuto anche dal Parlamento Europeo”.

“In particolare, la commissione ECON ritiene che il settore dei trasporti sia un’infrastruttura essenziale per i residenti e le imprese nelle regioni scarsamente popolate e nelle isole periferiche (art. 84);  invita pertanto la Commissione Europea e gli Stati membri a garantire condizioni di parità che consentano una concorrenza libera sì, ma anche equa in tutte le modalità di trasporto”.

“Il Parlamento afferma inoltre che è responsabilità della Commissione garantire che la compensazione erogata ai SIEG -servizi di interesse economico generale- sia compatibile con le norme dell’UE in materia di aiuti di Stato”, continua Soru.

“In linea con questo principio, e con il sopraccitato articolo 84, noi riteniamo che il trasporto aereo si configuri per la Sardegna come un servizio di interesse economico generale e che pertanto le eventuali compensazioni erogate da enti pubblici alle diverse compagnie, siano esse soggette o meno ad oneri di servizio pubblico, debbano essere rese ammissibili, in virtù dello specifico status insulare, da parte della Commissione Europea”.

Categorie: Notizie,Primo piano

Tags: ,,,,,,

I commenti sono chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi