Approvata la legge “spazzacorrotti”, per me è innanzitutto una barbarie

Si tenta di corrompere una persona che magari non ne avrebbe avuto nessuna intenzione, che probabilmente non sarebbe entrata in contatto con nessun corruttore, che non avrebbe commesso alcun delitto. Il risultato finale sarà quello di avere un corrotto in più, dopo aver trasformato una buona persona, un bravo funzionario pubblico, approfittando di un attimo di debolezza, in un delinquente. Esattamente il contrario di quello che lo Stato dovrebbe fare.

E poi come verrà valutata la bravura dell’agente provocatore incaricato di stanare i corrotti ? Sarà premiato quello che corrompe più persone? Quello che, con modalità subdole o particolarmente allettanti, riesce a portare sulla cattiva strada anche molti dei buoni padri e madri di famiglia?
Come dicevo prima, si tratta di una barbarie.

I corrotti veri non tarderanno molto ad adeguarsi a questa apparente difficoltà. Semplicemente accetteranno offerte solamente da persone più che conosciute, da attuali complici, portando avanti senza problemi i cattivi comportamenti di oggi. E per il futuro, non sarà difficile trovare un amico di un amico, entrambi fidati, che portino avanti la corruzione.

Non è con la barbarie e con le soluzioni semplicistiche da dare in pasto alla anche giusta indignazione dei più che si trova la soluzione.
Occorre invece aver la volontà di lavorare sulla semplificazione delle norme, la trasparenza, l’efficienza amministrativa. Bisogna occuparsi dell’incertezza delle regole, dell’opacità di taluni uffici, della lentezza infinita dei procedimenti, della inutile complessità e dalla mancata trasformazione digitale dei nostri uffici.

È sull’arbitrio, sui ritardi che vive e si alimenta la corruzione che occorre eliminare invece che alimentare.
Lavoriamo pazientemente e decisamente su queste azioni. Non rispondono alla volontà di giustizia sommaria, non stanno in un hashtag, non stanno in un tweet, ma funzioneranno.

Categorie: Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi